Lago Soprano – Storia

Questo lago, nei pressi di Serradifalco, in provincia di Caltanissetta, nasce dalla depressione carsica originata dal corso incessante delle falde.
Le sue acque, poco profonde, al massimo due metri, ospitano diverse specie ittiche, quali le carpe ed i persici, ed uccelli stanziali. Fra i sui canneti non è rara la presenza della testuggine palustre. Il bacino è alimentato da sorgenti lacustri. Per le sue emergenze vegetazionali, la Società Botanica Italiana lo ha inserito il lago tra i biotopi di rilevante interesse vegetazionale e meritevoli di conservazione.

In passato, sulle sponde di quest’area l’uomo ha convissuto sfruttando le acque: qualche residuo dell’antica usanza dei mulini ad acqua, è infatti rimasto. Il lago, detto anche Cuba per le affinità di scenari con i paesaggi caraibici, è una dolina cioè una cavità superficiale caratteristica dei terreni carsici prodotta dall’azione delle acque sul calcare, riempita da acque provenienti dalle

sorgenti e dalla pioggia.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>