Lago Preola e Gorghi Tondi – Flora e Fauna

L’ area adiacente Lago di Preola e Gorghi Tondi sin dal 1981 è stata sottoposta a tutela quale bellezza naturale

del territorio di Mazara del Vallo.

Il territorio vincolato si estende da Mazara del Vallo a Torre Granitola parallelamente con la costa a circa 1 km di distanza dal mare. Dal 1991 è stata inserita tra le aree naturali protette del Piano Regionale dei Parchi e delle Riserve e la sua gestione è stata affidata al WWF Italia Ong-Onlus. La riserva è divisa in due zone di tutala: A e B.

Nella zona A le attività di fruizione, i tempi e canadian journal hospital pharmacy impact factor le modalità di accesso sono regolamentate dall’ Ente Gestore, che predispone e autorizza anche la ricerca scientifica. Nella zona B invece sono consentite le attività agro-silvo-pastorali, mentre sono vietate la caccia, la realizzazione di nuove costruzioni, l’escavazione di pozzi, l’impianto di serre, il danneggiamento della flora e della fauna, l’accensione di fuochi anche se connessi con le pratiche colturali.

All’interno della Riserva insistono 4 laghi di origine carsica perimetrati da canneti e fitta e bassa vegetazione lacustre. Tra gli elementi caratteristici della sua flora, particolarmente rigogliosa nella stagione primaverile, annoveriamo: le orchidee selvatiche, gli anemoni, gli asfoelidi, long term side effects of viagra le margherite, il tarassaco e la scabiosa atropurpurea.

Visibili anche dalla strada provinciale per Gorghi Tondi cialis not working first time sono i costoni dominati dalla quercia calliprina, dal leccio, dal lentisco e dal camendrio.

L’aspetto faunistico è connotato dalla presenza di uccelli rapaci. Non rara è la possibilità di poter avvistare il falco di palude, la poiana, il gheppio o l’ upupa. Tra i canneti che circondano le pozze d’acqua trova rifugio l’avifauna acquatica: il tarabusino, rari esemplari di aironi rossi e i provigil generic canadian pharmacy comuni aironi cinerini e ancora le folaghe, le gallinelle, i germani reali, i moriglioni, le alzavole, i tuffetti e le marzaiole.

A pelo dell’acqua possiamo trovare una specie protetta a livello comunitario, ovvero le tartarughe palustri; Tra gli aranceti, testimonianza dell’intervento umano, è possibile individuare tane di istrici, ricci e donnole.

Nella stessa zona viene praticata l’apicoltura per la produzione di particolari e pregiati mieli di arancio e eucalipto.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>