Laghetti di Marinello – Flora e Fauna

Alle pendici del promontorio di Capo Tindari si estende un vasto arenile che racchiude laghetti litoranei salmastri che rappresentano la maggiore attrattiva della zona tutelata.

L’origine degli specchi d’acqua è dovuta alle imponenti variazioni morfologiche, determinate dai flussi marini che causando il deposito di sedimenti lungo la costa modificano continuamente la linea di spiaggia.

L’aspetto floristico della zona è caratterizzata dalla notevole varietà di specie che meglio si adattano ai differenti ambienti: sabbie litorali, laghetti salmastri e rupi.

Le sabbie litorali sono ambienti caratterizzati dalle forti escursioni termiche tra il giorno e la notte e da forti concentrazioni di salsedine per cui possono essere colonizzati da vegetazione pioniera altamente specializzata. Tra le specie più frequenti: la violaciocca selvatica, il ravastrello marittimo, il papavero cornuto, il giglio marino, l’eringio di S. Pietro, la gramigna delle spiagge, la medica di mare e lo zigolo delle spiagge.

La vegetazione lungo le sponde dei laghetti salmastri è costituita piante alofite che per le proprie caratteristiche riescono ad utilizzare per il fabbisogno idrico anche acqua con alte concentrazioni di sale.

Le specie più frequenti sono la cannuccia di palude, il giunco pungente e lo zigolo levigato.

La vegetazione rupestre fornisce ospitalità a preziosi endemismi tra cui la centaurea di Seguenza, il garofano delle rupi, il cavolo biancastro, l’erucastro, la vedovina delle scogliere ed il radicchio di scogliera.

Sempre sulle rupi del promontorio prospiciente i laghi, cresce una rara graminacea, la festuca humifusa, esclusiva di Capo Tindari.

La componente faunistica è ricca di avifauna e l’ambiente ben si presta ad offrire riparo a diverse specie tra cui quelle migratrici svernanti e stanziali e a rapaci tra cui il Gheppio, il Corvo imperiale, il raro Falco pellegrino, il Gabbiano reale, il Fringuello, il Saltimpalo, l’Occhiocotto e la Sterpazzolina; oltre a piccoli uccelli tipici della macchia mediterranea, come ad es. la Taccola, etc.

Un pensiero su “Laghetti di Marinello – Flora e Fauna

  1. Ho una casa vicino Tindari e quindi vado sempre a Tindari, vi consiglio di aggiungere che l’acqua è sempre calda, anche d’inverno e che è anche piuttosto bassa, adatta ai principianti del nuoto

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>